Il futuro è mobile, lo abbiamo ripetuto tante volte. Progressivamente il traffico web si sta spostando verso questi device, che non possono più essere ignorati, né dai web-designer (ed ecco le soluzioni responsive, che si adattano a tutti i dispositivi), né tanto meno dagli analisti, che devono fornire dei riscontri puntuali sulle sorgenti di traffico per poter aiutare il reparto marketing a scegliere i canali più utili e programmarne le relative campagne.

Google Analytics (qui puoi scaricare la nostra guida) ha da un po’ di tempo iniziato a soddisfare quest’esigenza di approfondimento, promuovendo sia una sezione “Mobile” all’interno dell’area “Pubblico” dei rapporti standard, sia introducendo dei segmenti avanzati “ad hoc” per il tracciamento di questa tipologia di visite.

La sezione Mobile

Contiene due voci, “Panoramica” e “Dispositivi”. Molto generica la prima, consente di fare un immediato confronto tra le visite provenienti da device mobili e le restanti sorgenti di traffico.

Questo pannello ci fa capire la quota del nostro traffico che è addebitabile ai dispositivi mobili. Nella voce “Dispositivi”, invece, troviamo un insight su marca-modello degli smartphone e tablet che vi hanno visitato.

E’ inoltre possibile avere un quadro geografico degli accessi, richiamando l’overlay della mappa anche per questo sotto-insieme di visitatori.

Segmenti avanzati

I rapporti presentati sono molto interessanti, ma hanno un piccolo limite: non discriminano gli smartphone dai tablet. Poco male, risponderete voi, con tutti i modelli ibridi che stanno uscendo ora (basta pensare al Padfone o al Galaxy Note) ha senso fossilizzarsi su certe definizioni? Ha senso, se vi ritrovate con alte percentuali di traffico via tablet e non via smartphone: un conto è far visualizzare il proprio sito su un 3-4 pollici, un altro su un 7-10 pollici.

Per avere questo dettaglio potete servirvi dei segmenti avanzati predefiniti, selezionando l’apposita voce come indicato in figura:

Come potete vedere, esiste anche una voce “Traffico da cellulari”, ma è fuorviante, perché comprende al suo interno anche le visite da tablet. Selezionate solo “Traffico da tablet”, e potete avere un confronto diretto tra il totale e la quota-parte.