I video su Instagram. L’annuncio era atteso da molti, ma l’effetto-sorpresa non è mancato, perché se tutti pregustavano lo scontro diretto con Vine di Twitter, non tutti si attendevano una durata massima decisamente più estesa, fino a 15 secondi.

Rilasciata con un set di tredici filtri appositamente studiati per i video, questa funzione promette faville, tanto da aver segnato oltre 5 milioni di video registrati durante le prime 24 ore. Oltre agli effetti puramente competitivi, questo nuovo prodotto sarà in grado di rivoluzionare il modo di produrre video?

L’esplosione del micro-cinema –  La risposta spontanea dovrebbe essere affermativa, dato che già sappiamo come l’applicazione creata da Kevin Systrom abbia influenzato il mondo della fotografia digitale, anche quello professionale.

Dovremo dunque attenderci una miriade di nuovi “registi digitali” pronti a sbarcare anche ai concorsi dedicati, come il Tribeca Film Festival di Robert De Niro, che ospita una sezione dedicata ai film di sei secondi (guarda caso la durata delle clip di Vine)?

Le perplessità sullo sharing – Nonostante gli entusiasmi, il dubbio che, svanito l’effetto-novità, questa funzione rientri in una nicchia d’utenza assai meno ampia, sono abbastanza forti. D’altronde non era stata la stessa impressione suscitata da Vine, dopo l’acquisizione di Twitter? Eppure l’applicazione, grazie all’integrazione, ha ormai superato le condivisioni di Instagram sul social di Jack Dorsey.

Nonostante il successo mondiale, Instagram non può contare sullo stesso livello d’integrazione con la controllante Facebook, che anzi fa anche un po’ di concorrenza avendo introdotto i filtri sulle proprie foto. I video di Instagram verranno puntualmente condivisi sugli altri social, o resteranno prerogativa della (sempre più ampia) community interna?

Il tutto senza dimenticare come i video (anche di breve durata) sui social trovano sempre meno fortuna rispetto alle foto, specialmente quando si tratta di caricarli fisicamente sulla piattaforma. In quel senso, il punto di riferimento resta e resterà YouTube, che però ha altri scopi (e durate).

Se vuoi approfondire su Instagram puoi leggere:

How to Use Instagram For Business: An Instagram Marketing Guide – Grow Brand Awareness, Attract Customers, Engage With Followers, And Increase Sales