Come usare Google Analytics al meglio

Siete dei webmaster, e come la maggior parte dei vostri colleghi sparsi per il mondo, amate utilizzare Google Analytics per estrarre le statistiche di traffico dei siti di vostra gestione o proprietà. Probabilmente avete scaricato la nostra guida per apprenderne i fondamenti ed il funzionamento, ma lo state ancora utilizzando in modalità “basic”, ovvero contate visite, visitatori e pageviews, al massimo vi spingete a guardare le sorgenti del vostro traffico (organico, referral, diretto), ma poco altro.

Cosa vi state perdendo? Tanti, tantissimi dati, informazioni fondamentali per capire a che punto vi trovate oppure quali strategie e decisioni dovete prendere per dare una svolta al vostro business. Di seguito troverete alcuni suggerimenti su come ottenere un insight più dettagliato sulle statistiche dei vostri siti.

1. Obiettivi

Nessun progetto, impresa o attività può esistere senza degli obiettivi: è un fatto di approccio mentale al problema, la presenza di obiettivi misura i vostri progressi e v’impone il raggiungimento di nuove mete. Nel caso di GA, la configurazione degli obiettivi dipende fortemente dalla vostra tipologia di business, tuttavia si possono individuare delle macro-categorie valide per tutte le occasioni:

  • Visitatori coinvolti: di solito sono utenti che permangono sul vostro sito per un tempo ben superiore alla media. Potete intercettarli quindi configurando un obiettivo con soglia temporale su “Durata della visita”.
  • Lettori: utenti che visitano molte pagine del vostro sito. Possono essere intercettati con una tipologia di obiettivo per “Pagine/Visita”.
  • Iscritti: sono utenti che hanno sottoscritto la vostra newsletter oppure qualche altra vostra offerta. Potete conteggiarli configurando un obiettivo con URL di destinazione settato con la pagina di ringraziamento per l’iscrizione/download.
  • Clienti: utenti che acquistano un vostro prodotto. Per intercettarli vale la stessa logica degli iscritti alla newsletter.

2. Sorgenti di traffico

E’ vero, questa sezione la guardano già un po’ tutti, ma siete sicuri di farlo come si dovrebbe? E’ importante capire quante visite vi portano le varie sorgenti (Google, i social, le campagne e-mail, ecc…), ma è ancor più decisivo comprendere la qualità delle visite che ciascuna fonte genera, quindi la loro targetizzazione.

Quando vi dedicherete alle analisi sul traffico organico, quello proveniente da Google per intenderci, prestate particolare attenzione alle keywords che vi hanno portato più visite e conversioni di obiettivi. Saranno parole chiave da riutilizzare, a discapito di altre che non avranno ottenuto le stesse performance. Se, come tutti, vi troverete davanti un muro di “not provided”, leggetevi il nostro articolo su come cercare di ovviare a questo problema.

3. Visitatori

Il vostro business riguarda la vendita di spazi pubblicitari? No? Allora potete pure lasciar perdere la statistica delle pageviews, e concentrarvi su un dato per voi molto più importante: il numero dei visitatori unici.

4. Coinvolgimento

Un report che avete già a vostra disposizione di default, e che fornisce dati molto significativi è quello del “Coinvolgimento”, presente nella sezione “Pubblico” => “Comportamento”. Esso presenta le visite suddivise per fasce di durata. Nel caso in cui la maggior parte delle visite dei vostri utenti si trovino nella fascia 0-10 secondi, c’è sicuramente qualcosa da rivedere nel design e nei contenuti del vostro sito.

5. Contenuti

Non tutte le pagine fruttano uguale, e ve ne accorgerete presto andando ad analizzare i report della sezione “Contenuti”. Con i risultati, avrete degli elementi per capire cosa fare delle pagine che non vanno (eliminarle? modificarle?), oppure dei suggerimenti sui temi da trattare per i vostri futuri post (se l’argomento Y è molto letto e seguito, meglio continuare a trattarlo).

Vuoi ricevere i nuovi post via mail?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.
Rispetteremo la tua privacy.
  • Mi piace questo articolo, sei riuscito a spiegare in modo semplice e chiaro le diverse potenzialità di google analytics, il modo migliore di utilizzarle e i vantaggi che questo potrebbe implicare per i nostri business. Grazie e a presto.

    • webpointzero

      Ti ringrazio per le belle parole…cerchiamo sempre di pubblicare dei focus su Google Analytics, perché sappiamo che è lo strumento di web-analytics largamente più usato in giro…