1992: con FordFiesta si torna indietro nel tempo #unFordgettable

Siamo in pieno revival Anni Novanta, se non ve ne siete accorti. Dopo il successo della fiction “1992”, arriva un divertente gioco della memoria organizzato da Ford.

Come sarebbe la nostra vita se, per un giorno, ci trovassimo a vivere con le tecnologie del 1992? Se, anziché tablet, pc, smartphone, social network e device high tech, ci trovassimo costretti a muoverci tra carta, floppy disk, telefoni giganti, computer fissi e vhs?

La casa automobilistica ha messo alla prova tre personaggi che del mondo della tecnologia sono i principali esponenti – le più alte cariche di Facebook, Twitter e Microsoft in Italia – e li ha resi protagonisti di un esperimento social. Il risultato? It’s better to go further.

Luca Colombo, Country Manager di Facebook Italia, Salvatore Ippolito, Country Manager di Twitter Italia, e Carlo Purassanta, Amministratore Delegato di Microsoft Italia, hanno accettato di rinunciare, per un giorno, ai propri dispositivi elettronici, e di svolgere le proprie attività quotidiane utilizzando solo la tecnologia disponibile nei primi anni Novanta.

Ecco i risultati.

Microsoft

Facebook

 

Twitter

Per completare l’atmosfera dei video, Ford ha utilizzato una Fiesta del 1992 messa a disposizione da uno dei fan della pagina Facebook di Ford Italia, Raffaele Mercorillo. Nel corso di un’operazione legata alla popolarità degli anni Novanta, Ford ha infatti organizzato un’attività in cui i fan sono stati invitati a condividere i propri ricordi, ed in questo caso addirittura la propria auto, legati a quella specifica decade.

E voi? Che ricordi avete degli anni ’90 e della tecnologia dell’epoca? Potete condividerli sulla pagina unfordgettable.it in cui è possibile twittare in ambiente DOS, lo storico sistema operativo Microsoft a riga di comando. Ricordatevi di utilizzare sempre l’hashtag #unfordgettable.

Buzzoole

Vuoi ricevere i nuovi post via mail?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.
Rispetteremo la tua privacy.