Whatsapp gratis per tutti

18 gennaio 2016, il giorno in cui Whatsapp divenne gratis.

Quante volte avete ricevuto quella ‘catena di Sant’Antonio’ su Whatsapp in cui vi si chiedeva di inoltrare il messaggio a 10 persone affinché il servizio restasse gratuito? Una bufala, si sa, ma che non avrà vita lunga dopo l’annuncio di oggi.

Nel corso della Digital Life Design (DLD), conferenza su temi di tecnologia che si tiene a Monaco, in Germania, Jan Koum, co-fondatore e amministratore delegato di WhatsApp, ha annunciato che non verrano più richiesti 89 centesimi l’anno per l’utilizzo dell’app.

Fino ad oggi, infatti, dopo il primo anno di utilizzo gratuito, il costo del servizio era di 0,89€ annui. Una sciocchezza, in fin dei conti, ma Secondo Koum il fatto che questo abbonamento andasse pagato tramite carta di credito è una delle cause che rallentano l’espansione del servizio in mercati emergenti come quello africano dove i pagamenti elettronici sono ancora poco diffusi.

Sul blog di Whatsapp rassicurano: non verrà comunque fatto ricorso alla pubblicità per finanziarsi.

Inoltre si pensa, in futuro, alla realizzazione di servizi a pagamento per permettere agli utenti di usare WhatsApp per comunicazioni ufficiali e di lavoro in maniera sicura (ad esempio avvisi dalla propria banca)

Vuoi ricevere i nuovi post via mail?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.
Rispetteremo la tua privacy.