Gioca a Fifa sulla Xbox, bolletta da 5000 euro

Siete anche voi genitori di ragazzi che amano giocare ai videogiochi? Speriamo siate più accorti del signor Lance Perkins, che a ricevuto a fine anno una fattura da 7625.88 dollari canadesi (poco meno di cinquemila euro), addebitati sulla carta di credito che aveva affidato al figlio per le emergenze e per fare acquisti per il negozio di famiglia.

Il ragazzo ha ben pensato di usarla per comprare nuove features presenti all’interno del gioco di calcio FIFA, realizzato dalla EA Sports per la console di Microsoft Xbox One. Si tratta di una strategia di marketing oramai comune a molti giochi: nuove squadre, nuove magliette, nuovi stadi, e così via.

Il signor Perkins ha contattato immediatamente Redmond, e gli avrebbero risposto che l’addebito è valido e che la console di gioco ha varie funzioni di controllo parentale che impediscono gli acquisti non autorizzati. Il fatto che questi acquisti siano stati effettuati da un minore ha comunque spinto Microsoft a riesaminare il caso, ma finora non ci sono state novità. Invece il gestore della carta di credito ha risposto al signor Perkins che l’unico modo per farsi annullare l’addebito sarebbe denunciare il figlio per frode, ovviamente un’assurdità.

Come si possono evitare situazioni spiacevoli come questa? Ecco una serie di precauzioni che potete mettere in campo:

  • usare i controlli parentali presenti sulle console di gioco
  • non affidare a minori carte di credito con limiti di spesa così elevati
  • usare carte prepagate e imparare a gestire gli account di gioco, come descritto da Microsoft qui e qui

Soprattutto è importante ricordare ai minori che gli acquisti degli oggetti virtuali all’interno dei videogiochi spesso si pagano con denaro reale.

Vuoi ricevere i nuovi post via mail?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.
Rispetteremo la tua privacy.