Facebook inaugura la Graph Search, il suo “terzo pilastro”

La fantasia di tutti aveva galoppato, nei giorni scorsi. Facebook Phone, avevano ipotizzato alcuni. Motore di ricerca, avevano ribattuto altri. Se i primi sono rimasti clamorosamente delusi, i secondi non hanno di certo gioito nel vedere la novità presentata da Mark Zuckerberg a Menlo Park: Graph Search, ovvero un sistema di ricerca “intelligente” in grado di trovare le info rispondenti un determinato criterio, all’interno del “grafo sociale” dell’utente.

Zuckerberg ha definito Graph Search come una sorta di “terzo pilastro” delle fondamenta di Facebook, dopo il newsfeed e la timeline. In cosa consiste questa nuova funzionalità? Si tratta in qualche modo di una sfida a Google? Alla seconda domanda non possiamo che rispondere con un no secco, in quanto Graph Search non si occupa d’indicizzare il Web, ma “solo” la base sociale di Facebook, e di fornire risposte istantanee a domande semplici dell’utente, come “Quali sono i miei amici che vivono a Milano?”, oppure “Mostrami le foto dei miei amici antecedenti al 2005”.

In un certo senso, Graph Search ha alcuni punti in comune con Knowledge Graph di Google, nel modo in cui non fonda la propria ricerca sulle keywords, ma correlando i dati personali degli utenti (relazioni di amicizia, città di residenza, ecc…) e delle foto (data, luogo se geo-localizzata). Non è comunque da escludere la possibilità di un’ulteriore collaborazione con Bing di Microsoft, che magari potrà presentare alcune di queste “collezioni” all’interno delle sue SERP, sempre se la query sarà attinente.

Cosa ne penso di Graph Search? Sembra essere una feature interessante nel portare Facebook sempre più vicino al diventare un vero e proprio album della nostra vita relazionale. Di contro, non rappresenta né un’enorme innovazione tecnica, né un prodotto in grado di aprire una nuova nicchia di mercato monetizzabile. Non è pertanto un caso che le già martoriate azioni di Facebook abbiano chiuso la giornata di Borsa in calo.

Graph Search è stato rilasciato in versione Beta solo per un ristretto gruppo di utenti negli Stati Uniti, ma ci si può iscrivere alla lista d’attesa a questo indirizzo.

Vuoi ricevere i nuovi post via mail?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.
Rispetteremo la tua privacy.