Foursquare è (ancora) solo un gioco

Quanti di voi utilizzano Foursquare? Non pochi, credo, visto che questo social geo-localizzato, fondato nel 2009 da Dennis Crowley e dal suo ormai ex-socio Naveem Selvadurai ha superato ampiamente i 30 milioni di utenti.

Riformulo la domanda: quanti di voi utilizzano Foursquare per scoprire nuovi posti da visitare, per sfruttare delle offerte in corso nelle vicinanze, per incontrarsi con i contatti che si trovano nelle vostre vicinanze?

Il problema è tutto lì, ed è un “tutto” molto penalizzante, se dietro a questa carina e ben appagante applicazione si cela un’azienda vera e propria, con duecento dipendenti, che si presuppone debba fare business e crescere.

Il successo iniziale di Foursquare è stato fondato sul potere della geo-localizzazione (sapere chi e cosa c’è attorno a te) e sulla gamification data dal piacere di effettuare check-in in determinati luoghi, sbloccare badge, superare i propri amici nelle classifiche settimanali…quello che si fa tuttora, dopo quattro anni.

Non è un caso che l’azienda guidata da Crowley dipenda ancora totalmente dal funding (questo report sui ricavi del 2012 è imbarazzante), l’ultimo dei quali, di 41 milioni di dollari, è stato salutato con grande calore dal CEO, conscio di come la situazione stesse volgendo per il peggio. Crowley deve capire che, pur essendo un ottimo propulsore d’idee, è suo compito capire cosa Foursquare possa fare “da grande”, di modo da non far la fine del suo primo prodotto Dodgeball, acquistato da Big G e poi accantonato per il più efficace Google Latitude.

Come vi ho già scritto in passato, il futuro per la ricerca localizzata è assai florido, e Foursquare avrebbe tutti gli strumenti (utenti, base-dati con i luoghi, mole di check-in) per dire la sua, tuttavia finora ha tergiversato molto, basti pensare che pur avendo inaugurato la sezione business per i commercianti, finora permette soltanto a una cinquantina di grosse catene di acquistare pubblicità sulle sue pagine. Anche il settore commerciale vendite è piuttosto esiguo (una decina di dipendenti), insufficiente per fare concorrenza a Big come Google e Facebook.

Le cose dovranno cambiare, in fretta. Altrimenti Foursquare resterà ancora un bel giocattolo. Che si romperà.

Vuoi ricevere i nuovi post via mail?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.
Rispetteremo la tua privacy.