WWDC13: le novità di Apple

Come ogni anno, il WWDC rappresenta un momento-clou per gli annunci di Cupertino. Si tratta del primo evento-stampa di Apple per l’anno 2013, quindi tutti ci aspettavamo un buon numero di novità per tutti gli ambiti (Desktop, Mobile, Software, Servizi) dell’azienda capitanata da Tim Cook; dal punto di vista quantitativo, l’attesa non è stata delusa.

OS X, arriva Mavericks – Dopo la saga dei felini, nessuno si attendeva che la nuova versione del sistema operativo (la 10.9) venisse intitolata ai cani sciolti e randagi. Questa versione presenta delle interessanti novità, comw:

  • Dopo tanti anni, qualcuno si è accorto che al Finder potevano essere implementati i tab, e l’ha fatto. 
  • Il web si trasferisce sui vostri desktop: è possibile taggare qualsiasi tipo di documento con delle parole chiave, così da facilitare la ricerca.
  • Una nuova versione di Safari, con una sidebar e in generale assai più interattiva
  • Un controllo assai più efficace delle risorse e quindi della durata della batteria
  • Apple Maps è ora integrato nel vostro OS, e vi permetterà di mandare le rotte direttamente al vostro iPhone

I nuovi MacBook Air – Novità contenute per i portatili “leggeri” targati Apple, e relative soprattutto al nuovo processore Intel Haswell, ottimizzato per il risparmio delle risorse, che dovrebbe permettere alla batteria di durare 9 ore nella versione a 13 pollici, e 12 in quella a 11 pollici. D’interesse anche il supporto alla Wifi 802.11 ac, mentre non è stata fatta menzione del tanto desiderato display Retina.

Un Mac Pro alieno ma fatto in casa – Paradossalmente la novità più “estrema” è stata quella  che ha visto il completo restyle del Mac Pro, ridisegnato come un oggetto “non identificato”, un anonimo cilindro nero totalmente realizzato negli USA, e potenziato da un processore Intel Xeon, memoria ECC e Flash, e un parterre eccellente di connessioni.

iWork per iCloud – Prima o poi doveva succedere: Apple vuole rosicchiare una fetta di mercato a Google Docs, un servizio che rappresenta la quintessenza del cloud computing, e lo fa con una versione web-based della sua celebre suite iWork, resa disponibile su iCloud.

iOS 7 – Era attesissimo, e non ha deluso. La nuova versione del sistema operativo mobile di Cupertino si presenta in un design totalmente rivisto che ha lasciato a bocca aperta un po’ tutti. Per quanto riguarda le funzionalità, abbiamo altri interessanti add-on:

  • Un sistema di notifiche molto più flessibile e calibrato sulle preferenze dell’utente; le applicazioni più utilizzate ottengono maggiore visibilità e sono già “pronte all’uso”
  • Per quanto riguarda le foto, ora l’utente ha un sistema di filtri nativo, che lo rende “indipendente” da Instagram
  • Siri è stato migliorato, e gli sono stati aggiunti numerose risposte integrate con Bing e Wikipedia (non vi chiederà più “posso fare una ricerca?”) e lavorerà sotto dettatura in maniera più efficace, anche in auto

iOS 7 è già disponibile (in versione beta) per iPhone, mentre verrà rilasciato nelle prossime settimane per iPad e iPod.

iTunes Radio – Atteso come un rivale per Spotify, sembra essere più la risposta di Apple a Pandora.

  • Riproduce musica che è trending topic su Twitter oppure su collezioni basate su eventi
  • L’utente può creare la propria stazione-radio; ce ne sono alcune create proprio da Apple
  • Per conformarsi ai gusti dell’utente, sono stati creati i pulsanti di apprezzamento (o non apprezzamento) delle canzoni appena ascoltate
  • E’ gratuito, si supporta con la pubblicità. Se sei già iscritto a iTunes Match, non la vedrai.
  • Supporta Mac, PC, Apple TV, iPhone, iPad e iPod touch
Vuoi ricevere i nuovi post via mail?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.
Rispetteremo la tua privacy.

Tags: