Come valutare i backlink

L’attuale evoluzione del panorama SEO, sempre dinamicamente “appiattito” sugli aggiornamenti algoritmici di Google, non può non prescindere da una constatazione generale del trend: conta sempre più la qualità, rispetto alla quantità. Affannarsi per accatastare, o peggio comprare, centinaia di backlink, oltre che pericoloso dal punto di vista delle possibili penalizzazioni, rischia di risultare anche poco efficace sul ranking del vostro sito.

Valutare i backlink è quindi un’operazione essenziale in qualsiasi strategia SEO odierna, perché una volta definiti i vostri target, potrete magari darvi da fare per ottenere i link desiderati in maniera più “diretta”. Conoscere il valore di un certo backlink costituirà una motivazione sufficiente per spingervi a contattare anche via mail gli altri webmaster per ottenerlo.

Qual è il modo più semplice per valutare un backlink? Quello di ridurlo a tre caratteristiche-base.

Forza del link

Si tratta del parametro più quantitativo, e comprende:

  • L’autorità della pagina (misurabile con il PageRank)
  • L’autorità del dominio (idem, non sempre coincidono)
  • Il numero dei backlink già presenti nella pagina (meno solo, meglio è)
  • Presenta o assenza dell’attributo nofollow
  • Posizione del backlink all’interno della pagina (più alto è meglio)
  • “Purezza” del sito di provenienza del backlink (controllate eventuali palesi penalizzazioni)

Rilevanza

Un backlink non deve essere soltanto autorevole, ma deve essere soprattutto correlato con il tema del vostro sito. Pertanto è bene che:

  • L’anchor text del backlink corrisponda alle keywords della pagina di destinazione
  • Le parole vicine al link corrispondano alle keywords della pagina di destinazione
  • Le parole nella pagina che vi linka corrispondano alle keywords della pagina di destinazione

Difficoltà

Quant’è complicato ottenere un certo backlink? Cercate di “pesare” questo fattore secondo gli altri due, per capire se lo sforzo vale la candela, magari aiutandovi con qualcuna delle seguenti domande:

  • Quel sito da backlink a chiunque?
  • Esiste un processo univoco per sottoporre backlink?
  • Ha un blog?
  • Accetta autori ospiti?
  • Che valore puoi offrire a quel sito, in cambio di un backlink?

Tante variabili, vero? Potete sintetizzare questo metodo con una semplice domanda: quel sito passa traffico di valore?

La rilevanza diventa ancor più un fattore-chiave, a questo punto, perché se quel sito non vi porta dei potenziali utenti interessati ai vostri contenuti, il backlink diventa molto meno importante di quanto crediate.

  • PageRank zero? Male
  • Tante condivisioni social? Bene
  • Pessimo contenuto? Male
  • Guest post? Bene

…e così via. La selezione naturale diventerà molto più semplice.

Vuoi ricevere i nuovi post via mail?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.
Rispetteremo la tua privacy.

Tags: