#BrusselsLockdown gattini da Bruxelles contro il terrorismo

#BrusselsLockdown A Bruxelles sono stati giornate difficili. Governo e polizia temevano che ci darebbero stati degli attentati simili a quelli di Parigi, così, per precauzione, sono stati chiusi scuole, alcuni centri commerciali, le linee dei tram più affollate e la metropolitana.

Domenica sera la polizia ha condotto alcuni blitz in diverse parti della città, in questa occasione sull’account della polizia belga è apparsa una richiesta a stampa e ai cittadini: non twittare informazioni, testimonianze, immagini e, in generale, indicazioni sui luoghi in cui erano in corso le operazioni, in modo da non comprometterle.

La risposta dei cittadini belgi è stata usare l’hashtag #BrusselsLockdown per postare immagini di gattini accompagnati da didascalie che facevano riferimento alle operazioni antiterrorismo in generale ma senza rivelare alcuna informazione, un modo per esorcizzare la paura e ‘confondere’ i terroristi.

Stamattina la polizia belga ha ringraziato tutti i gattini accorsi in loro aiuto, twittando l’immagine di una ciotola di croccantini.

Vuoi ricevere i nuovi post via mail?
I post della settimana, ogni venerdì alle 9, più qualche sporadica lettera.
Rispetteremo la tua privacy.