Come fare la pizza con la planetaria

Vi siete mai chiesti come fare la pizza con la planetaria? Nel nostro articolo di oggi vedremo consigli e trucchi per portare in tavola un’ottima e croccante pizza.

La pizza è uno dei piatti principe della tradizione culinaria italiana e quasi tutti ne mangiamo almeno due al mese se non una alla settimana. Basta chiamare la nostra pizzeria preferita e voilà: la nostra cena è pronta. A volte può essere divertente e piacevole preparare la pizza in casa, magari insieme ai nostri familiari, ma di solito si finisce per sporcare molto la cucina, soprattutto nella prima fase dell’impasto. Ecco che in questo momento la nostra planetaria diventa un’amica preziosissima, permettendoci di creare l’impasto che preferiamo senza dover poi raccogliere farina ovunque.

Per qualcuno è importante impastare a mano, in modo da poter avere sempre sotto controllo il grado di compattezza del lavorato, ma per la maggioranza delle persone l’uso di una planetaria può rivelarsi molto importante per un fattore fondamentale nella lavorazione della pizza: l’incordatura.

L’incordatura è la maglia glutinica che si forma sia grazie all’acqua che all’energia meccanica usata per impastare la pizza. Sarà questa a permettere una corretta lievitazione, momento fondamentale per rendere la nostra pizza di facile digeribilità.

Per questo la planetaria è un grandissimo aiuto: i ganci e il suo motore sapranno dare l’energia meccanica necessaria per l’incordatura perfetta, facendo riposare i muscoli delle nostre braccia.

Ingredienti

  • 680 g Farina di tipo “0”(meglio se specifica per pizza)
  • 400 ml Acqua a temperatura ambiente
  • 25 g Sale
  • Un panetto di lievito di Birra fresco
  • una presa di zucchero
Medion PLANETARIA 17664 cod: MD17664
59,81
VEDI OFFERTA
Kelkoo Clicksmart
Impastatrice planetaria con testa sollevabile Fimar Regolatore di velocità Capacità Vasca Lt...
318,42
VEDI OFFERTA
Kelkoo Ristosubito
AgriEuro Premium Impastatrice planetaria FP105 con vasca INOX da 5 litri -...
396,68
Last update was on: Nov 8, 2022 14:46

Procedimento

Iniziamo montando sulla nostra planetaria lo strumento a foglia che ci aiuterà nella prima parte dell’impasto.

Versiamo nella ciotola l’acqua a temperatura ambiente e avviamo l’impastatrice a velocità ridotta.

Con un cucchiaio aggiungiamo, man mano, la farina facendola cadere a pioggia, tra una cucchiaiata e un’altra lasciamo che il gancio abbia il tempo di amalgamare bene acqua e farina senza fare grumi.

Arrivati all’uso di circa 1/3 della farina vedremo che il nostro impasto inizierà ad avere una consistenza quasi cremosa; a questo punto prenderemo il lievito fresco, lo sbricioleremo tra le mani e lo metteremo nella planetaria insieme allo zucchero, continuando a lavorare gli ingredienti per due minuti, permettendogli di sciogliere del tutto il lievito. Aggiungiamo e il sale e continuiamo a impastare per un minuto.

Andremo ad aggiungere altra farina, per cui ci servirà un diverso tipo di lavorazione, quindi fermiamo la planetaria e montiamo lo strumento a gancio.

Riavviamo la planetaria e aggiungiamo la farina poco alla volta, l’impasto per la pizza andrà sempre più a prendere forma e continueremo a integrare la farina a nostra disposizione. La pasta dovrà avere una consistenza umida, elastica e liscia, per controllare lo stato della lavorazione possiamo premere con i polpastrelli  sull’impasto che non dovrà incollarsi alle dita e i buchi dovranno lentamente ritornare al volume iniziale.

Quando ci sembrerà che sia pronto potremo spegnere la planetaria e mettere l’impasto su un piano di lavoro ben infarinato, qui lavoreremo la nostra palla di pasta per qualche minuto, ripiegandolo più volte su se stesso.
https://youtu.be/bpuYfatS6bo

Lievitazione

L’impasto è terminato, ora lo rimetteremo nella ciotola della planetaria, lo chiuderemo bene con della pellicola trasparente lasciandolo in frigorifero per 24 ore per la sua prima lievitazione.

Per un impasto leggero e digeribile passate a una seconda lievitazione. Prendiamo l’impasto dal frigorifero e lasciamo che arrivi a temperatura ambiente per circa un’ora.

Infariniamo la spianatoia e con una spatola tagliamo in quattro pezzi la nostra pasta di pizza, adesso andremo a ripiegare i panetti di impasto, permettendogli di incamerare più aria possibile.

Creiamo una palla con ogni panetto e mettiamolo in un contenitore che chiuderemo con la pellicola trasparente, il tutto andrà nuovamente in frigo per 12 ore.

Passato questo tempo, andiamo a prendere i nostri panetti e facciamoli riposare un’ora a temperatura ambiente, in questo modo il calore li renderà più morbidi e facili da lavorare.

La farcitura

Mentre l’impasto si scalda possiamo preparare la farcitura: la più classica è con il pomodoro. Con un mixer a immersione frullate i pelati, aggiungete sale e olio. Sgocciolate la mozzarella e spezzatela con le mani, mettetela in una ciotola per lasciare che perda altro liquido.
Ungete la teglia che userete con olio e aggiungete un velo di farina, così da non far attaccare la pizza alla teglia.

La stesa

Prendete il primo dei vostri panetti di pizza, infarinate per bene la spianatoia e stendete l’impasto con il mattarello, fatelo partendo dai bordi vero il centro questo movimento romperà le bolle d’aria che si creano. Quando sarete arrivati alla dimensione della teglia spostate l’impasto in maniera delicata ma decisa, una volta posta in teglia condite la pizza con il sugo di pomodoro.

La cottura

Accendete il forno statico a 250°, con dentro la guantiera del vostro forno nel ripiano basso, diventerà rovente. Quando il forno è arrivato a temperatura, infornate la teglia contenente la pizza a diretto contatto con la teglia che era già in forno. Fate cuocere per circa 10 minuti su ripiano basso e poi altri 7-8 minuti in quello centrale. Negli ultimi due minuti di cottura strizzate bene con le mani la mozzarella e aggiungetela sull’impasto.

Facci sapere cosa ne pensi

Lascia un commento

webpointzero.com
Logo
Registra un Nuovo Account
Reset Password
Confronta prodotti
  • Total (0)
Confronta
0