Forno statico o ventilato? Quale scegliere per ricette e tempi di cottura

Uno dei dubbi più frequenti, quando si cucina con il forno, riguarda le modalità di cottura da utilizzare per ottenere il risultato migliore.

La crescita di diffusione dei forni elettrici (ad oggi, sul mercato, la maggioranza) ha infatti moltiplicato le opzioni a disposizione dell’utente.

Molte persone, soprattutto, non sanno decidersi tra la cottura ventilata o la cottura statica, con esiti spesso disastrosi sul piatto da portare a tavola.

Dovete infatti sapere che questi due tipi di cottura sono molto differenti tra di loro, e si adattano alla perfezione a differenti tipologie di cibi.

Vediamo più in dettaglio caratteristiche e tempi di cottura.

Come funziona il forno statico

Il forno statico prevede modalità di cottura presenti anche nel più tradizionale forno a gas, ed è basato sull’irraggiamento, con il calore che si propaga mediante una resistenza che si può trovare nella parte inferiore (quelli a gas) o superiore del forno.

Per questo motivo, ricordate di togliere sempre la leccarda del forno poiché potrebbe compromettere la corretta diffusione del calore e quindi la cottura corretta del cibo.

Vantaggi

Con il forno statico la cottura è più lentadelicata ed omogenea, e permette di ottenere pietanze ben cotte e asciutte tanto all’esterno quanto all’interno.

Questo tipo di cottura è ideale per tutte le preparazioni che al loro interno contengono lievito e per tutte quelle ricette il cui risultato dev’essere asciutto e ben cotto.

Svantaggi

Con questo tipo di cottura sarete costretti a tenere il forno accesso a lungo, inoltre è possibile cuocere solo una pietanza alla volta.

Per cosa è adatto

Tutto quello che necessita di lievitazione, quindi: torte, pan di Spagna, pizze, pasta sfoglia, pane e focacce.

DeLonghi Forno Ventilato Eo32752
206,95
VEDI OFFERTA
Kelkoo ManoMano.it
DeLonghi SMN6 Forno da Incasso, Ventilato, 6 Funzioni, Contaminuti Fine Cottura, Nero
244,39
VEDI OFFERTA
Kelkoo ManoMano.it
SMEG SF800AO Forno ventilato 60cm antracite Estetica Coloniale Classe A-10%
333,83
VEDI OFFERTA
Kelkoo ManoMano.it
Last update was on: Mag 18, 2022 17:37

Come funziona il forno ventilato

Il forno ventilato funziona per convezione: in questa modalità una ventola posta all’interno del forno crea un flusso d’aria all’interno della cavità che tende ad asciugare i cibi.

Vantaggi

La cottura con forno ventilato ha il vantaggio di creare una golosa crosticina in superficie, mantenendo morbido l’interno.

L’altro grande vantaggio è quello di cuocere più cibi insieme, senza che i loro profumi si mescolino e consentendo anche un risparmio energetico.

Svantaggi

Non è adatto ai cibi lievitati.

Per cosa è adatto

Pasta al forno, arrosti di carne, pesce al cartoccio, verdure farcite, biscotti e crostate.

Come regolarsi

Oltre alle differenze già viste e spiegate in precedenza, la differenza sostanziale fra queste due modalità di forno risiede nella temperatura. Fra i due tipi di forni vi è una differenza di temperatura di 20-25°C.

Se la ricetta che dovrete cuocere prevede l’uso del forno ventilato ma voi disponete solo di un forno a gas, vi basterà aumentare la temperatura di 20°C, mantenendo gli stessi tempi di cottura previsti dalla ricetta.

Pur trovando questo compromesso va detto che, in base a quanto già descritto, le due modalità non sono equivalenti. Nella modalità ventilata infatti si ottiene una maggiore asciugatura dei cibi, se quindi avete il forno statico e dovete cuocere una pasta al forno, ricordatevi di farla un po’ più asciutta.
Se invece il vostro forno è ventilato e dovete cuocere un dolce lievitato, visto che a causa della temperatura potrete rischiare di avere un colorazione maggiore su un lato della preparazione, superato il tempo “off-limit” all’interno del quale non si può aprire il forno per evitare inconvenienti di crescita e di cottura, vi conviene poi girare il vassoio o la teglia per ottenere una colorazione uniforme.

webpointzero.com
Logo
Confronta prodotti
  • Total (0)
Confronta
0